top of page

Depressione: qualcosa oltre la tristezza.

La depressione, nel linguaggio comune, viene intesa come una tristezza molto intensa.

Nel contesto clinico la parola "depressione" identifica un disturbo dell'umore caratterizzato non solo da profonda tristezza ma da altre caratteristiche come ad esempio anedonia (perdita di piacere nel fare le cose), perdita di interesse, apatia.

Volendo evitare una dissertazione sulla diagnosi di Depressione Maggiore, Disturbo Bipolare o Distimia (per chi è interessato ci sono infiniti testi a cui attingere che sviscerano la questione sotto molteplici punti di vista), qui vorrei riflettere su cosa serve tenere a mente riguardo alla depressione, per non essere colti del tutto sprovvisti di strumenti per poterla comprendere e chiedere, quindi, un aiuto adeguato.

Perché, sì, la depressione è una malattia e come tale ha bisogno di cure attente e specialistiche. Non è solo tristezza, "sentirsi giù" o una giornata "no". Questa è una malattia co tutti i crismi, con dei sintomi, delle varianti, dei correlati fisiologici e delle possibilità di cura. In quest'ottica risulta evidente quando il "Dai, su col morale! Non ci pensare! C'è chi sta peggio!" non si annoverino tra i trattamenti efficaci o consigliati.

La depressione è un disturbo pervasivo, che assorbe la persona in ogni parte della sua vita, rendendo ogni azione priva di un senso o di una sensazione di piacevolezza. Spesso chi soffre di questa patologia soccombe a questo stato di apatia, arrivando a trascurare anche la propria igiene e cura personale, perché non ne vede lo scopo.

Esiste poi una forma di manifestazione della depressione in cui la persona, pur esperendo quello stesso senso di anedonia e perdita di interesse, rimane attiva. Questa è però un'attività quasi automatica, prima di passione, interesse: "Come se fossi viva fuori ma morta dentro. Come vedere il mondo attraverso un velo." Questo tipo di sintomatologia contribuisce a mascherare il nucleo depressivo, e risulta ancora più difficile da diagnosticare a un occhio non esperto. La depressione può, inoltre, presentarsi in associazione ad altri sintomi, ad altre patologie fisiche o psicologiche (la cosiddetta comorbilità) o come reazione ad un evento.

Esattamente come ogni altra malattia, pertanto, la depressione necessita di cure specialistiche, che possono essere psicologiche o farmacologiche, a seconda dei casi, attentamente studiare su misura per il singolo e costantemente monitorate. A questo proposito, ultimamente i medici di base si stanno sempre più sensibilizzando nei confronti di questo tipo di tematiche, che tuttavia vengono ancora molto sottovalutate finche non raggiungono forme gravi, che necessitano di interventi più incisivi e pervasivi.

La particolarità della depressione, come in realtà della maggioranza dei disagi psicologici, è che esiste una scarsissima cultura del benessere psicologico, che evidenzia un qualunque disagio come uno stigma sociale: "Hai problemi mentali!", "Sei matto". Inoltre, questo tipo di patologie vengono viste come delle debolezze che intaccano il valore personale di chi le esperisce, come se fosse qualcosa di cui vergognarsi. Invece, questo tipo di patologie, al pari di quelle mediche, possono essere trattate al fine di portare la persona a un equilibro e l benessere psicofisico (perché ricordiamoci che mente e corpo sono indissolubilmente legate da un filo rosso).

Cosa serve sapere, quindi? A cosa prestare attenzione? Una cosa fondamentale è il cambiamento: se cambia un comportamento, a prescindere a quale esso sia, significa che è cambiato anche il pensiero e/o l'emozione che scatena quel comportamento o nel contesto i cui essi si formano. Esistono poi degli indicatori pratici come l'igiene personale, la cura di sé l'interesse ad intraprendere delle attività. E quando si notano dei segnali che ci fanno sorgere dei dubbi, cosa possiamo fare? Contattare uno specialista.

Se avete mal di denti, chiamate i dentista, se avete il diabete andate dal diabetologo, se avete un aritmia vi affidate a un cardiologo. Perchè con la salute mentale dovrebbe essere diverso?




4 visualizzazioni0 commenti
bottom of page