top of page

Parliamo di sessualità

SESSUALITÀ: “La sessualità è un aspetto centrale dell’essere umano lungo tutto l’arco della vita e comprende il sesso, le identità e i ruoli di genere, l’orientamento sessuale, l’erotismo, il piacere, l’intimità e la riproduzione. La sessualità viene sperimentata ed espressa in pensieri, fantasie, desideri, convinzioni, atteggiamenti, valori, comportamenti, pratiche, ruoli e relazioni. Sebbene la sessualità possa includere tutte queste dimensioni, non tutte sono sempre esperite o espresse. La sessualità è influenzata dall’interazione di fattori biologici, psicologici, sociali, economici, politici, etici, giuridici, storici, religiosi e spirituali.” WHO (2006)

Parlare di sessualità scatena sempre reazioni molto controverse. Nelle nostre scuole, quando parliamo di educazione alla sessualità, vediamo spesso due atteggiamenti equamente poco funzionali: ipertecnicismo, con termini che afferiscono alle discipline mediche e spiegazioni estremamente dettagliate del funzionamento organico, magari con un approfondimento a fini terroristici sulle malattie sessualmente trasmissibili; oppure un oblio, in cui semplicemente non si tratta l'argomento che viene bandito dalle aule. Parlare di sessualità risulta, invece, molto importante poiché essa è presente per tutto il ciclo di vita di ogni individuo.

Già nei feti maschili e nei neonati, sia di sesso femminile che di sesso maschile, sono presenti componenti fisiologiche legate alla sessualità e comportamenti di autostimolazione. Nell'età scolare poi, iniziano i primi esperimenti di masturbazione, individuale e di gruppo, ai quali è importante che l'adulto risponda in maniera adeguata. Il messaggio che bisognerebbe trasmettere dovrebbe puntare all'assoluta naturalità di questi comportamenti e desideri, unita alla necessità di adeguarsi ai diversi contesti sociali, esattamente come ogni altro comportamento umano. Ciò che accade, invece, è spesso un atteggiamento di censura, a volte anche molto impattante, che poi ha ripercussioni sull'idea di sessualità nella pubertà, momento topico dello sviluppo sessuale, e poi nella vita adulta.

Auspicabilmente, l'educazione sessuale dovrebbe puntare alla salute sessuale, cioè uno stato di benessere fisico, emotivo, mentale e sociale relativo alla sessualità che implica la possibilità di fare esperienze sessuali piacevoli e sicure, libere da coercizione, discriminazione e violenza.

A questo proposito una domanda costante quando si parla di questo argomento è: ma è normale?

Rispetto al comportamento sessuale la richiesta di "normalità" è una richiesta molto diffusa e molto delicata. Rispetto a questo è bene ricordare che la normalità è una costruzione sociale e si riferisce a quanto socialmente condiviso e accettato. Con questa premessa a proposito del comportamento sessuale possiamo distinguere:

  • Norma: si riferisce alla cultura di appartenenza agli stereotipi e alle usanza della società in cui il soggetto vive.

  • Trasgressione: Ciò che nella cultura di appartenenza rappresenta «peccato» o proibizione.

  • Parafilia: Qualsiasi intenso e persistente interesse sessuale diverso dall’interesse sessuale per la stimolazione genitale o i preliminari sessuali con partner umani fenotipicamente normali, fisicamente maturi e consenzienti.

  • Disturbo parafilico: E’ una parafilia che causa disagio o ha arrecato, o rischiato di arrecare, danno a se stessi o agli altri.

  • Sex offender: chi commette un crimine sessuale , chi ha comportamenti sessuali violenti.

Andando oltre i termini tecnici, ciò che emerge è che spesso la preoccupazione rispetto all'essere "anormale" nelle tematiche sessuali ha delle radici in un'idea molto ristretta e limitata di cosa sia la sessualità e la salute sessuale.

La sessualità è un mondo complesso che richiede un'attenta esplorazione, una mente aperta e priva di pregiudizi il più possibile. Chissà che magari durante il viaggio in questo universo meraviglioso, si trovi una parte di sé che non si conosceva ancora...












10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page